Differenze tra Chinestesia Applicata e Kinesiologia Applicata

Differenze tra Chinestesia Applicata e Kinesiologia Applicata

Se possiamo definire la Chinestesia Applicata (CA) come naturale evoluzione della Kinesiologia Applicata, è corretto evidenziare in cosa consistono le differenze fra questi due test. In sintesi, CA rappresenta un modo di comunicare ancora più veloce, preciso e sicuro con l’inconscio. Vediamo nel dettaglio gli elementi distintivi.

Considerando alcuni parametri di paragone fra test kinesiologico e test chinestesico, spiccano alcuni elementi che rendono evidente la CA come evoluzione della Kinesiologia Applicata.

Velocità di esecuzione

Nettamente superiore in CA, in quanto intenzione dell’operatore e feedback chinestesico sono consequenziali, ma pressoché istantanei. Possiamo definire il test chinestesico un test alla velocità del pensiero.

Velocità di risposta al test

Una frazione di secondo in CA, rispetto ai diversi secondi necessari nel test kinesiologico.

Possibilità di ripetizione

Molto più elevata in CA rispetto alla kinesiologia, in quanto vengono utilizzati in modo attivo né i muscoli dell’operatore né quelli della persona testata.

Risparmio energetico

Questo elemento è direttamente connesso a quanto appena menzionato, in virtù del fatto che vengono utilizzate solo afferenze percettive chinestesiche particolarmente chiare e sottili.

Rapporto con la persona trattata

Nel momento in cui la persona espone il suo problema specifico, dal punto di vista percettivo l’operatore sta già ricevendo una notevole quantità di informazioni: in questo senso anamnesi e valutazione chinestesica si possono sovrapporre temporalmente.

Durata della seduta

La seduta CA può essere più breve rispetto al quella kinesiologica mantenendo profondità di indagine ed efficacia. A parità di durata, invece, l’operatore ha la possibilità di ricavare una quantità di informazioni dieci volte superiore.

Collaborazione da parte della persona trattata

Non è necessario spiegare nulla alla persona, in quanto non è richiesto alcun intervento attivo da parte sua: la comunicazione e la ricezione delle informazioni avviene a un livello più profondo.
Resta fermo il fatto che la persona che si sottopone al test verrà informata, per il suo bene, di ogni elemento emerso in tale sede.

Praticità

Seppur consigliato un ambiente tranquillo per l’esecuzione del test CA, una volta “afferrata” la percezione, questa è replicabile in qualsiasi condizione ambientale. Inoltre non sono richiesti né strumenti né condizioni personali o ambientali particolari per l’esecuzione del test CA.

Facilità e semplicità di utilizzo

L’esecuzione di CA è facile in quanto non si tratta di una tecnica ideata dall’uomo, ma di una percezione che prevede che l’operatore si interroghi e ascolti la risposta.
La metodologia di CA è semplice perché non richiede specifiche particolari; è come impostare il navigatore satellitare nel computer di bordo: ci porterà nel modo migliore a destinazione!

Precisione

Il test chinestesico ha una sensibilità superiore rispetto al test kinesiologico; infatti, anziché rilevare la variazione della forza o, nel migliore dei casi, del tono muscolare (in verità già altamente significativa e affidabile), lavora su un canale più sottile e quindi più profondo dal punto di vista percettivo e informazionale.
Tale abilità percettiva viene continuamente affinata con la pratica per poterla cogliere sempre più nella sua cristallina autenticità.


L’iscrizione al corso introduttivo alla Chinestesia Applicata è in promozione lancio per il 1° anno a 380€ +iva anziché 600!

Questo articolo è interessante? Condividilo!

Lascia un commento

Your email address will not be published.